3 ottobre 2016

Contrabbandieri d'amore - Laura Costantini e Loredana Falcone

Napoli-New York, 1920 - Per Cecilia la felicità è poca cosa e si riassume nel sorriso del fratello Eugenio, appena tornato dalla guerra sano e salvo. E proprio per non deluderlo si lascia convincere a lasciare Napoli e i vicoli di sezione Mercato dove sono nati per inseguire un sogno di riscatto a New York. Ma ciò che trovano nella grande città americana sembra ricalcare la vita di stenti e amarezze che hanno patito entrambi fino a quel momento e Cecilia non ci sta. Non ha scambiato la povertà di Napoli con quella di New York, lei ora il sogno americano lo vuole davvero assaporare, vuole toccare con mano la promessa di felicità che ha visto scolpita nella Statua della Libertà e letto negli occhi di Sidney, il marinaio irlandese che le fa battere forte il cuore. E così decide per se stessa, per la prima volta nella vita. Eugenio trema dalla rabbia pensando che quell'America tanto sognata fino a quel momento gli ha dato solo dispiaceri. Perfino Cecilia lo ha abbandonato. Ma lui non è arrivato fin lì per arrendersi e, se c'è solo un modo per emergere dal marciume della povertà, ebbene lui imboccherà quella strada, anche se questo dovesse significare sporcarsi le mani. D'altra parte tutti in quella città sembrano invischiati in attività poco lecite, perfino Lisbeth Temperley, la bella irlandese che gestisce uno degli speakeasy più in voga di Broadway, e che lui, ogni notte, sogna... In un paese dove l'alcol è diventato merce di contrabbando, Eugenio e Cecilia giungono portando qualcosa di ancora più inebriante e proibito: l'amore, quello con la A maiuscola.Due fratelli, un sogno, una città dalle mille sfaccettature.

Recensione

La storia di questo romanzo, che si può ascrivere a metà strada tra lo storico e il sentimentale, è apparentemente centrata sui due fratelli napoletani, Cecilia ed Eugenio che, rimasti soli negli anni Venti, si lasciano persuadere dal sogno americano e si imbarcano dalla loro Napoli alla volta degli Stati Uniti d’America. Di fatto, per quanto comunque le vicende personali dei due protagonisti, le loro difficoltà e i loro amori contrastati rimangano comunque il perno della trama, Contrabbandieri d’amore per me si può quasi definire un romanzo corale, laddove non si parla e non vengono soprattutto affrontate le dinamiche personali dei personaggi, ma si respira l’intera storia di una generazione di persone, di una categoria di immigrati che hanno animato e popolato la vita del Nuovo Mondo alla ricerca della speranza, raccontando senza troppi fronzoli a volte anche il dramma di una vita passata dalla fuga all’emarginazione, che spesso ha rischiato di frantumare i sogni più che realizzarli.

Non importa se a quel tempo i fuggitivi poveri e impauriti fossero italiani, o ancora prima, come nel caso di Lisbeth e Sidney, irlandesi, anche se questi ultimi naturalizzati americani da almeno una generazione, quello che si rileva dal racconto è proprio la motivazione per cui si scappa dal proprio mondo e il desiderio di rivalsa e di una vita migliore, che acquisisce la consistenza che va oltre al miraggio.
In questo senso si può tranquillamente affermare che il libro proposto dalle due scrittrici Costantini – Falcone sia attuale. Terribilmente attuale.
Basta guardarsi intorno, ascoltare i telegiornali e ripensare in questa prospettiva quanto accade adesso per le popolazioni che fuggono verso l’Europa, alla ricerca di salvezza. L’empatia, dopo questa lettura, diventa talmente forte da portare davvero il lettore a comprendere il dramma di queste persone, a riuscire a farlo proprio.
Un altro argomento molto caldo del testo è di certo il confronto/scontro tra culture, laddove l’America costituisce e si presenta come un effimero mondo evoluto mentre l’origine italiana dei due giovani risulta ancora arretrata, nel suo volersi arroccare ai codici di comportamento morali e alle sue superstizioni.

La ricostruzione storica che fa da cornice al romanzo è cesellata in piccoli e precisi dettagli che denotano uno studio puntuale della documentazione, dei resoconti, condito e arricchito dall’emotività dei personaggi che in qualche modo realizzano una storia prontamente veritiera.
Per scappare alla vita di stenti i due giovani si imbattono nell’organizzazione malavitosa, suddivisa in aree di controllo, in origine ed etnia, in accordo e disaccordo, tanto che gli eventi riportati, per quanto estremamente dinamitardi e costanti in certe fasi, danno un certo sprint al ritmo stesso del narrato, creando una continua tensione nel lettore, un affanno quasi, che lo porta a mangiarsi le oltre quattrocento pagine scritte più che a leggerle.

Un altro aspetto prevalente che un po’ ricorre nelle precedenti pubblicazioni delle autrici che abbiamo letto in passato, è la dicotomia tutta femminile, laddove due personaggi apparentemente diversi tra loro trovano delle assonanze e, soprattutto, si ritrovano a intersecare la loro storia in più occasioni, mostrando la fragilità ma anche la forza dell’essere donna. E questo credo sia l’impatto più potente incarnato in questo caso da Cecilia e Lisbeth, che si sostengono a vicenda, spesso anche completandosi.

La narrazione scivola veloce e scorrevole in ogni sua fase, la cura del testo, così come della cornice ambientale, è tale da rendere la lettura interessante e piacevole.
Per questo Contrabbandieri d’amore è una lettura versatile: compensa il desiderio di un lettore esigente e si dedica a raccontare la vita delle persone con cognizione di causa, generando effetti in chi legge, facendo maturare idee e vicinanza anche a chi ci appare lontano.
Di sicuro il senso con cui viene descritta la diversità a l’integrazione tra differenti mondi diventa la sintesi ultima dell’essere tutti quanti un bagaglio umano da portarsi appresso: quello che siamo e ciò che possiamo diventare, tutti aspetti che rimangono per me prevalenti di questa esperienza di lettura.

Giudizio:

+4stelle+ e mezzo

Dettagli del libro

  • Titolo: Contrabbandieri d'amore
  • Autore: Laura Costantini e Loredana Falcone
  • Editore: Harper Collins Italia
  • Data di Pubblicazione: 2016
  • ISBN-13: 9788858958964
  • Pagine: 467
  • Formato - Prezzo: € 4,99

1 Commenti:

  • 3 ottobre 2016 17:57
    Lauraet Lory says:

    Grazie dell'attenta analisi che ha saputo cogliere tutte le sfumature.

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates