14 maggio 2016

Ritratto di un preziosissimo amore indecente - Federica Gnomo Twins

Nella Vienna degli inizi del Novecento, il pittore espressionista Thomas Shieller vive con la sua modella preferita, Edith, ed è insoddisfatto della sua espressione artistica. Grazie all’incontro casuale con Wilhelm, un ragazzo inconsapevolmente bello, troverà il suo ideale di perfezione artistica, insieme a un amore contrastato e indecente.

Recensione

La tenera storia d’amore tra il pittore Thomas e il suo giovane modello Wilhelm è il nucleo principale del nuovo romanzo di Federica Gnomo Twins, alias di un’artista piuttosto eclettica e dalla voce sempre più interessante.
La Vienna dei primi anni del 1900 fa da sfondo a questo legame indecente, che come il titolo ci ricorda, è tale proprio in virtù di un’epoca dove l’omosessualità non aveva una rilevanza positiva nella vita sociale. Ed è proprio particolare quest’ambientazione, laddove la città dell’epoca ci viene riportata con brevi ma incisive pennellate, che è facile da visualizzare soprattutto per chi a Vienna c’è andato sul serio.
E in effetti i paesaggi e i colori tenui del racconto proiettano delle immagini nitide della città, per quanto di certo gran parte dell’atmosfera di allora oggi non esista più.

Con estrema precisione le vicende totalmente inventate dei due protagonisti (che storicamente non sono esistiti) si intersecano con fatti storici e personaggi realmente esistiti: sulla scena compare addirittura Klimt, di cui Thomas è stato allievo e a cui ha “rubato” preliminarmente Edith, la modella prediletta, reali sono anche i modi e le tutele dedicate all’arte, gli scorci rubati e tradotti su tela, ma quel che maggiormente stupisce del racconto è l’intensità passionale, a tratti poetica, di questo licenzioso legame che, seppur concepito in modo malevolo, si affranca dal pregiudizio rendendo puro l’amore tra i due.
Thomas è forte della sua arte, a tratti arrogante e dai modi rudi, ma rimane totalmente folgorato dall’innocenza del modello, ancora giovane e soprattutto, a discapito di quanto dicevano i maligni, per nulla interessato alla fortuna e alla fama del pittore, e questo dettaglio riesce in qualche modo a elevare la loro relazione che, prima di essere di carne, è basata sull’emozione e sul desiderio inespresso o sublimato dalla stessa pittura. Questo meccanismo introspettivo viene particolarmente incentivato nella storia: Thomas subisce il desiderio, non osa approcciarsi a Wilhem e finisce col sublimarlo nella sua pittura, trasformando l’oggetto del desiderio nella sua stessa arte, legando entrambi a doppio filo con un nodo che, giorno dopo giorno, diviene sempre più difficile da riuscire a sciogliere.

Un altro aspetto fondante riguarda poi il cambiamento interno, quando il pittore scopre l’attrazione verso un giovane del suo stesso sesso e ne rimane da principio impaurito: in questo caso è la voglia che emerge, e convince l’uomo a lasciarsi andare a un sentimento di cui non aveva conoscenza, al di là dei pregiudizi e soprattutto dei timori che si vivono quando il mondo attorno a te considera dannoso un legame, solo per chi è l’oggetto dei tuoi desideri. Principio, purtroppo, ancora attuale ancora oggi.

La narrazione si snoda su semplici piani consequenziali, dove è il pittore a parlare in prima persona, con un dialogo semplice e diretto e uno stile che comunque permane denso nonostante la sua linearità con la presenza di alcuni picchi poetici atti a elevare la consistenza delle emozioni o i momenti di maggiore intensità tra i due amanti. L’unico neo è la brevità del testo che seppur lascia all’immaginazione il compito di supplire a quando non detto, suscita nel lettore il desiderio di voler dedicare a Thomas e Wilhem altro tempo, di conoscere il loro futuro insieme dopo tutte le difficoltà che affrontano.
Ritratto di un preziosissimo amore indecente rimane un cammeo splendente: accattiva l’attenzione e ti prende per mano per darti tutto durante l’esperienza migliore in 136 pagine. Una lettura delicata e poetica, dedicata a chi ha un bisogno pressante di sognare qualcosa di bello e possibilmente che porti a stimolare la speranza in un lieto fine, magari anche nella vita reale.

Giudizio:

+4stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Ritratto di un preziossimo amore indecente
  • Autore: Federica Gnomo Twins
  • Editore: Triskell
  • Data di Pubblicazione: 2016
  • Collana: Triskell Rainbow
  • ISBN-13: 9788893120616
  • Pagine: 136
  • Formato - Prezzo: € 3,49

1 Commenti:

  • 15 maggio 2016 21:16

    Subito dal titolo mi è venuto in mente il romanzo di Oscar Wilde, e forse il concetto di arte e bellezza è in comune a quest'opera. Darò un'occhiata e compliemtni per la recensione, molto suggestiva!

    Elena

    www.elenalucia.com
    https://www.facebook.com/Elena-Lucia-771773842899333/?fref=nf

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates