1 gennaio 2011

Solo Fango - Giancarlo Narciso

Stava, Val di Fiemme, Trentino, 18 Luglio 1985. Una tragedia annunciata si abbatte sul paesino di Stava. Il fango proveniente dal bacino di decantazione di una miniera che domina il paese, a fatica trattenuto dall'argine di sabbia innalzato in attesa delle autorizzazioni necessarie allo smaltimento, e che da anni e anni si accumula silenzioso e maligno, sta per liberarsi. Lo chiamano "argine" ma in realtà si tratta di una diga. Una diga abusiva per contenere i rifiuti della lavorazione mineraria che incombe come una nube foriera di disastri. Una tragedia annunciata e da sempre coperta dagli interessi di politici corrotti e di famiglie locali intenzionate a proteggere i propri introiti ad ogni costo. E, come sempre, a farne le spese sono gli innocenti, i bambini, i villeggianti che quel pomeriggio di luglio si godevano il meritato riposo e svago dopo un anno di lavoro o di studio. Chi aveva il potere di evitare la strage non ha agito. Chi avrebbe dovuto sapere ha taciuto.
Riva del Garda. Epoca contemporanea. Raffaele Fronza, 63 anni, ingegnere minerario viene brutalmente assassinato nella stanza del residence in cui abita. Inizialmente, gli indizi portano verso la pista dell'omicidio passionale e si accusa Ovidiu Stanciu, detto Roberto, un giovane romeno ritenuto l'amante della vittima. Il ragazzo è il colpevole ideale anche perché, preso dal panico e terrorizzato all'idea di non essere creduto, fugge peggiorando notevolmente la propria situazione. Ma non tutti sono convinti della sua colpevolezza. Viene dunque ingaggiato Butch Moroni che inizierà un'indagine parallela a quella della polizia e che lo metterà di fronte ad una catena di omicidi che affonda le radici in un passato mai dimenticato.

Recensione

Solo Fango è un libro che si può leggere a vari livelli e che presenta una vasta scelta di tematiche.
Dal punto di vista del romanzo noir, la trama è intensa e molto originale, inoltre tutti i personaggi possiedono una propria psicologia e complessità. Ogni carattere, ogni vita, ogni pensiero si fonde nella storia rendendo quasi impossibile interrompere la lettura finché non si giunge alla risoluzione finale. Ogni personaggio appassiona e affascina con le sue azioni, intenzioni e la sua sfera emotiva.
Un altro livello di lettura riguarda fatti sempre attuali come la corruzione nelle alte sfere del potere politico, la tutela dell'ambiente e la tutela della vita umana. Spesso si tende infatti a trascurare il fatto che il rispetto per la natura e il mondo che ci circonda va di pari passo con la protezione del genere umano. Offendere e sottovalutare le forze naturali spesso significa condannare persone innocenti e ignare a subire conseguenze spesso catastrofiche e irreparabili. Un aspetto di Solo Fango che mi ha molto colpito è stata anche la perfetta descrizione della superficialità e della noncuranza, veramente molto ben delineate dall'autore, con cui il male viene perpetrato.

Istintivamente, spesso si tende a immaginare l'avidità e la malvagità umana come una serie di azioni grandiose, di interessi incomprensibilmente al di sopra dell'esistenza quotidiana. Fra le pagine di questo libro ho invece potuto comprendere quanto "semplice" possa essere in realtà la malevolenza. Gli interessi sono spesso in realtà forme di furberia e tentavi di "accaparramento" di una posizione anche molto secondaria nel mondo della politica. Gli interessi possono essere quelli di famiglie locali che da sempre comandano coperte dalle tacite alleanze di consiglieri comunali o regionali e altri personaggi che mirano ad ottenere "favori personali". Inoltre, è molto interessante leggere come sia conveniente, e anche in questo caso molto attuale, attribuire la colpa di un reato a un ragazzo proveniente da un altro paese. Come se il male debba per forza arrivare dall'esterno, ben visibile e contraddistinto da un luogo di nascita oltre la frontiera. Come se questa falsa certezza potesse illusoriamente garantire la possibilità di proteggersi, di chiudersi in se stessi e all'interno della propria comunità. E' quando il male arriva dall'interno, ovvero dal luogo in cui si è nati e dalle persone con cui si è cresciuti, che la situazione si fa ancora più destabilizzante. Chi sono le persone che dovrebbero proteggerci? Le persone che si candidano assicurando giustizia e lavoro? Chi desiderano in realtà proteggere? Quale lavoro desiderano tutelare? E qual è il prezzo di queste promesse.

Solo Fango è dunque un libro appassionante, intenso e carico di temi attuali che spingono il lettore a riflettere e a partecipare emotivamente allo svolgersi dei fatti.

Giudizio:

+4stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Solo Fango
  • Autore: Giancarlo Narciso
  • Editore: Edizioni Ambiente
  • Data di Pubblicazione: 2010
  • Collana: Verdenero. Noir
  • ISBN-13: 9788896238448
  • Pagine: 272
  • Formato - Prezzo: Brossura - 16,00

1 Commenti:

  • 2 gennaio 2011 19:20
    Malitia says:

    Ciao!
    il vostro è il blog a cui più sentitamente ho deciso di conferire il Premio Sunshine, un piccole premio virtuale che potete trovare qui:

    http://dustypagesinwonderland.blogspot.com/2011/01/premio-sunshine.html

    Buon anno e complimenti per il vostro lavoro,

    Malitia
    (Dusty pages in Wonderland)

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates