10 agosto 2010

Monsieur Ladoucette e il Club dei cuori solitari - Julia Stuart

Un vento ostinato soffia su Amoursur-Belle, un paesino incastonato nella splendida campagna del Périgord, un paesino così scialbo che persino gli inglesi rifiutano di andarci a vivere. Qui, il barbiere del villaggio, Guillaume Ladoucette, è costretto a chiudere bottega perché una significativa percentuale dei suoi clienti con l'avanzare dell'età è diventata calva, mentre il resto cerca disperatamente di mantenersi giovane sperimentando nuovi tagli dalla concorrenza. Così Guillaume decide di avviare una nuova attività: un'agenzia per cuori solitari. Eh sì, perché ad Amour-sur-Belle, nonostante il nome, l'amore latita, mentre il tasso di litigiosità è pericolosamente alto: alcuni ostentatamente ignorano Denise Vegier perché sua nonna era stata collaborazionista; il proprietario del caffè si rifiuta di servire Madame Fournier, sospettata di aver avvelenato qualcuno con i funghi. E Madame Ladoucette e Madame Moreau si scambiano insulti da così tanto tempo che ormai sono diventati un'originale forma di saluto... In fondo quasi nessuno si innamora a prima vista, sostiene Guillaume Ladoucette, l'amore è come un buon 'cassoulet', ha bisogno di tempo e determinazione.

Recensione

Monsieur Ladoucette scoprì la sua vocazione al taglio in tenera età, quando, impadronitosi di un paio di forbici, iniziò a tagliare tutto ciò che gli capitava a tiro. Gli studi da barbiere furono una conseguenza naturale e non stupì più di tanto che si diplomasse con il massimo dei voti. Dopo un apprendistato presso un grande maestro, con i risparmi riuscì ad aprire una bottega tutta sua, nel paesino natale di Amour-sur-Belle.
Il tempo passa, ma pare che il barbiere non vi si sappia adeguare: così quando la concorrenza di un collega nel paesino vicino gli ruba tutti i clienti, si decide a convertire la sua attività in un'agenzia per single. Nonostante il paesino conti ufficialmente trentatré anime, poco alla volta iniziano ad arrivare i clienti: peccato che lui stesso non sia un bell'esempio. Innamorato fin dalle elementari della bella Emilie, non è mai riuscito a rivelarle i propri sentimenti e quindi a scoprire di essere pure ricambiato.
Tra disavventure al limite dell'assurdo, i cuori solitari di Amour-sur-Belle non saranno più tali e l'amore, come sempre, trionferà.

Con una prosa scorrevole, l'autrice Julia Stuart narra una storia frizzante e divertente, ricca di personaggi memorabili e caratteristici. Il panettiere compagno di pesca di Monsieur Ladoucette, con cui fa a gara per il cestino del pranzo più luculliano. La madre del barbiere, completamente svampita, che se ne va in giro per il paese seguita da uno stormo di piccioni che ha disimparato a volare. L'avvelenatrice fungina, che per vendetta provocò la morte del padre dell'amante - ma la storia non è così semplice come pare. Il farmacista che creò scandalo per essere diventato vegetariano e che scomparve all'improvviso durante il "mini-tornado" del 1999. La doccia pubblica, installata per evitare lo spreco di acqua delle vasche da bagno in un'estate particolarmente asciutta.

Farsi catturare dal romanzo è semplice: più difficile sarà riuscire a staccarsene prima dell'ultima pagina: un gioiello.

Giudizio:

+4stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Monsieur Ladoucette e il Club dei cuori solitari
  • Titolo originale: The Matchmaker of Perigord
  • Autore: Julia Stuart
  • Traduttore: K. De Marco
  • Editore: Corbaccio
  • Data di Pubblicazione: 2008
  • Collana: Romance
  • ISBN-13: 9788879729246
  • Pagine: 290
  • Formato - Prezzo: Rilegato - 17.60 Euro

1 Commenti:

  • 22 agosto 2015 16:58

    Appena terminato. Libro esilarante, arguto, sottilmente perfido nel descrivere vizi e virtù dei trentatré, anzi trentaquattro abitanti del paesino (immaginario) della regione dei castelli del sud della Francia. La ricerca dell'Amore però scombussola animi maturi e rivoluziona abitudini oramai consolidate. Lettura piacevolissima e divertente, con un sottofondo di dolce poesia.

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates