2 dicembre 2017

Chi muore giace - Marina Bertamoni

Chi è Amélie McFiennes, la scrittrice di romanzi rosa a sfondo erotico che vende milioni di copie in tutta Europa? Nessuno lo sa. L’autrice senza volto tutela la propria privacy in maniera ossessiva, ma in realtà dietro quel nome si nasconde Angelo Di Dio, un giovane uomo dal talento originale che ha dovuto scegliere uno pseudonimo per pubblicare i propri romanzi dopo un brutale fatto di sangue in cui è rimasto coinvolto. Un provvidenziale test del DNA ha restituito la libertà ad Angelo, ma non la fiducia negli esseri umani. Per questo si rifugia in una cascina nelle campagne tra Lodi e Crema, isolato da tutto e da tutti, dedicandosi alla sola attività che gli dia soddisfazione: la scrittura. Grazie a quello stesso test, però, l’ispettrice Luce Frambelli riesce a smuovere le acque di un caso di omicidio che la tiene impegnata da settimane: il profilo genetico di una donna strangolata, non identificata, risulta compatibile con quello di Angelo. I due sono inequivocabilmente fratelli. Ma c’è un piccolo particolare: Angelo Di Dio è figlio unico, o almeno così ha creduto fino a quel momento. Frambelli indagherà per scoprire l’identità del feroce assassino, aiutata dai colleghi della Questura di Lodi, cercando di mantenere il giusto equilibrio tra il sospetto e un’attrazione per Angelo che diviene lentamente un’ossessione. Anche lo scrittore condurrà la propria ricerca personale, muovendosi tra Lodi, Milano e la Spagna, consapevole del rischio che la sua vita ne possa uscire sconvolta.

Recensione

Chi muore giace ha come protagonista Angelo, un trentacinquenne alto, palestrato e affascinante che non solo scrive romanzi di successo a sfondo erotico, ma

in virtù di lunghe sedute di yoga e meditazione è riuscito ad instaurare con il sesso un rapporto puramente cerebrale, che gli consente di scriverne senza subire l’effetto deleterio del desiderio. 

Non c’è da meravigliarsi se la coprotagonista del romanzo, l’ispettrice di polizia che indaga sulla morte di una donna per strangolamento, si senta sciogliere appena lo incontra, tanto più che lei è in rotta con il proprio partner con cui, sottolinea l’autrice con costernata ironia, non fa sesso da oltre quattro mesi, una cosa presumibilmente inimmaginabile dato che non sono sposati. Ma le sorprese non finiscono qui, perché Marina Bertamoni ci trasporta anche in terra spagnola a visitare splendidi borghi dell’Aragona come Huesca, Roda de Isabena (cfr. foto) e Ainsa alla ricerca dei parenti ancora in vita di Angelo, che siano in grado di svelargli il mistero che circonda la sua nascita e la sua famiglia.

Quelle che potrebbero ritenersi piuttosto forzate sono le motivazioni irrazionali che inducono l'assassino all'omicidio. Se un omicidio non è dettato da una logica, per quanto questa possa essere perversa ed amorale, al lettore si toglie il piacere di arrivare autonomamente all’identificazione del colpevole, non avendo a disposizione gli elementi razionali per farlo. Inoltre la conclusione del romanzo avrebbe potuto essere gestita in maniera più accorta, perché il colpevole sembra essere stato scoperto solo per caso.
Potrebbe considerarsi discutibile anche questa considerazione del protagonista:

Il desiderio ti fa perdere il controllo, ti rende schiavo di istinti primordiali, esponendoti a pericoli inimmaginabili. 

viene infatti da chiedersi se davvero i pericoli di lasciarsi andare agli istinti primordiali siano inimmaginabili.
Un ultimo appunto lo farei sul titolo. È pur vero che esso riprende la prima parte del noto proverbio "chi muore giace e chi vive si da pace" che viene pronunciato verso la fine del romanzo, tuttavia la frase presa da sola risulta banalmente lapalissiana.
In ogni caso le critiche fatte vertono su peccati che possono considerarsi veniali, quando non motivo di maggiore divertimento. Per il resto il noir è scorrevole, accattivante, con un buon ritmo e una scrittura asciutta come si confà al genere. Anche le descrizioni dei luoghi visitati risultano stimolanti senza essere mai noiose e buona anche la caratterizzazione dei personaggi.
In pratica un romanzo giallo che non solo si può leggere la sera prima di dormire senza temere di avere degli incubi notturni ma, anzi, oserei definirlo rilassante per la piacevole  ironia dell’autrice che, mi risulta, abbia vinto con pieno merito diversi premi per altri romanzi in concorsi letterari dello stesso genere.

Giudizio:

+4stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo:Chi muore giace
  • Autore:Marina Bertamoni
  • Editore:Fratelli Frilli
  • Data di Pubblicazione: 2017
  • Collana:I tascabili
  • ISBN-13:9788869432279
  • Pagine:189
  • Formato - Prezzo: Brossura - Euro 12,90

0 Commenti a “Chi muore giace - Marina Bertamoni”

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates