27 dicembre 2016

Cosi-Sancta, Il sogno di Platone, Avventura indiana - Voltaire

I tre racconti scelti per questa collana (Cosi-sancta, Il sogno di Platone e Avventura indiana) non hanno un evidente filo logico. Nondimeno, sono accomunati proprio dall’ironia volteriana che in essi è ben manifesta. In Cosi-Sancta, racconto licenzioso che porta l’esotico sottotitolo di “novella africana”, lo scrittore parigino, anziché riprodurre le atmosfere orientaleggianti dell’antica Ippona, le cui vestigia si trovano in Algeria, ove il sommo Sant’Agostino professava il suo credo, connota con nomi che richiamano un finto esotismo (Ribaldos, Capito, la medesima Cosi-Sancta) un pressoché inalterato mondo occidentale trasposto su uno sfondo africano. Il sogno di Platone, diversamente, è un brevissimo racconto, nel quale Voltaire immagina che Platone abbia avuto un sogno alquanto singolare. Durante un alterco scaturito in seno ai geni creatori dei vari pianeti del sistema solare, uno di questi schernisce Demogorgone, il creatore della Terra, rinfacciandogli di aver plasmato un pianeta imperfetto. Nell’ultimo racconto tradotto, Avventura indiana, Voltaire affronta una tematica a lui molto cara e sentita: la tolleranza religiosa. Sarebbe improprio parlare di tolleranza, poiché nel racconto si fa esplicito accenno a una intolleranza spietata, che porta “ironicamente” a una non risoluzione, similarmente alle idee di Platone ne Il Sogno. Questa volta il protagonista della vicenda è Pitagora, il quale si trova in India per un percorso ascetico e meditativo

Recensione

I tre brevissimi racconti ritradotti da La Bottega dei Traduttori rientrano nel genere letterario a contenuto filosofico dell'apologo o, ancora meglio, della facezia: una piccola vicenda diventa esemplificazione di un percorso o di un'idea oggetto di dibattito nella filosofia, come accade nel più complesso e, tutto sommato, più riuscito Candido, che mette alla berlina le teorie leibniziane sul migliore dei mondi possibili e sull'ottimismo.

Così nelle tre novelle in questione Voltaire fa sfoggio della sua pungente ironia - anzi, più propriamente di un sarcasmo volto a ridicolizzare alcune posizioni filosofiche più che a provocare un progresso come invece avveniva con l'ironia socratica - per criticare la moralità giansenista, poi il platonismo avulso dalla realtà, infine il fanatismo religioso.
Nel primo caso il ridicolo corre sul filo dell'assurdo nell'anacronismo per cui una novella sul giansenismo viene ambientata nell'Africa romana di sant'Agostino, nel V secolo d.C.; nel secondo apologo, che riprende il luogo comune dell'evanescenza della speculazione metafisica, il vano sproloquio platonico viene confinato dalla concretezza di un discepolo al mondo onirico con una battuta tagliente ed icastica, con un atteggiamento simili a quello anti-socratico nelle Nuvole di Aristofane; il terzo racconto dipinge il fanatismo religioso come un mostro che non è possibile abbattere, perché, sconfitto in un punto, rinasce poco distante, appena lo si ritiene debellato, come capita a Pitagora, vittima, per ironia della sorte, della stessa superstizione umana che aveva combattuto in India.

Le tre storielle edificanti e argute rivelano l'acutezza del pensiero voltairiano, così come l'apparato introduttivo permette di contestualizzare le opere con precisione. Sulla scelta di tradurre cercando di ricostruire la struttura originale della lingua del filosofo illuminista in un italiano arcaizzante, invece, restano dei dubbi. Di certo il tentativo di ricreare la patina linguistica del XVIII secolo è interessante, tuttavia il rischio di ottenere un andamento pesante e a volte non perspicuo nel discorso è concreto, e inoltre rimane il fatto che una traduzione, per quanto mimetica e rispettosa delle volontà dell'autore, non è mai l'originale, ma sempre un suo tradimento e una sua interpretazione.

Giudizio:

+3stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Cosi-Sancta, Il sogno di Platone, Avventura indiana
  • Titolo originale: Cosi-Sancta, Songe de Platon, Aventure indienne
  • Autore: Voltaire
  • Traduttore: Sergio Piscopo
  • Editore: La Bottega dei Traduttori
  • Data di Pubblicazione: 2016
  • Collana: Classici da (ri)scoprire
  • ASIN: B01HCC21SM
  • Pagine: 17
  • Formato - Prezzo: eBook - Euro 0,99

1 Commenti:

  • 15 gennaio 2020 07:10
    nbde2020 says:

    ... Guardo, gioco e penso a tutte queste cose, e mi diverto. E per oltre sette rolex imitazioni perfette mila (o addirittura un decimo), penso che dovrei essere dannatamente bene. Sembra ovvio, quando è così, vero? Certo che lo fa. orologi rolex replica Tuttavia, quando guardo quali alternative mi vengono offerte nelle boutique multimarca di replica orologi rolex grandi dimensioni, faccio fatica a immaginare cosa potrebbero fare molti di quegli orologi orologi replica rolex per intrattenere l'appassionato di orologi viziati / annoiati, che non sta cercando di acquistare il suo primo orologio , ma il suo orologi replica contrassegno quinto o decimo.

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates