19 febbraio 2015

Lolita - Vladimir Nabokov

Sarebbe difficile, per chi non ne è stato testimone, immaginare oggi la violenza dello scandalo internazionale, per oltraggiata 'pruderie', che "Lolita" provocò al suo apparire nel 1955. "Lolita" è non solo un meraviglioso romanzo, ma uno dei grandi testi della passione che attraversano la nostra storia. Ma chi è Lolita? Questa "ninfetta" è la più abbagliante apparizione moderna della Ninfa, uno di quegli esseri quasi immortali che furono i primi ad attirare il desiderio degli Olimpi verso la terra e a invadere la loro mente con la possessione erotica. Perché chiunque sia "catturato dalle ninfe", secondo i Greci, è travolto da una sottile forma di delirio, lo stesso che coglie l'indimenticabile professor Humbert per la piccola, intensamente americana Lolita. America, Lolita: questi due nomi sono di fatto i protagonisti del romanzo, scrutati senza tregua dall'occhio inappagabile di Humbert Humbert e di Nabokov. Realtà geografica e personaggio sono arrivati a sovrapporsi con prodigiosa precisione, al punto che si può dire: l'America 'è' Lolita, Lolita 'è' l'America. E tutto questo, come solo avviene nei più grandi romanzi, non è mai dichiarato: lo scopriamo passo per passo, si potrebbe dire miglio per miglio, lungo un nastro senza fine di strade americane punteggiate di motel.

Recensione

Credo che molte volte sia la fama di un libro a renderlo appetibile a tal punto da incuriosire il lettore a verificare se il tanto sentir dire sia effettivamente veritiero o meno. Questo è quello che è capitato a me con Lolita.
Sfogliando le prime pagine appare inizialmente un romanzo piacevole e scorrevole e siamo quasi incuriositi dalle vicende di gioventù raccontate dall’ormai cresciuto professore Humbert Humbert, ma con il crescere della narrazione, l’euforia iniziale svanisce.

La divisione in due parti del libro non aiuta, a mio parere, e ammetto di aver arrancato per arrivare alla fine: le descrizioni diventano eccessivamente lunghe, con un carattere ridondante e pedissequo e la noia diventa la protagonista principale. Uno stile assai raffinato e minuzioso quello usato da Nabokov, nulla da dire su questo, ma troppo puntiglioso su un tema che "scotta"; ricordiamo infatti che siamo negli anni 50' e lo scrittore fu molto criticato per il contenuto eccessivamente scabroso (tanto da costringerlo a pubblicare il libro prima a Parigi nel 1955 per poi tradurlo in russo solo dopo dieci anni).

La storia, a metà tra i ricordi e le confessioni di un processo giudiziario, è di per sé tutto fuorché coinvolgente: personalmente non ho apprezzato né la freddezza e la consapevolezza di Humbert verso la sua malattia per le “infanti”, né l'ambiguità tra pedofilia e amore, che giudico abbastanza discutibile, soprattutto se si considera che stiamo parlando del patrigno della ragazzina.
Il romanzo apre una breccia sul mondo della perversione e dell’ossessione che diventano le uniche ragioni di vita del protagonista e che guidano totalmente l'andamento e la direzione della storia.

In conclusione, devo ammettere che questo libro non mi ha lasciato nulla e non mi è dispiaciuto affatto quando sono arrivata all’ultima pagina anzi, mi sono quasi sentita sollevata. Lo vedo come un romanzo sopravvalutato ed lodato in modo eccessivo e non esiterei a definirlo quasi macabro nelle sequenze in cui Humbert allude alle ninfette (questo il modo in cui apostrofa le giovincelle appetibili per lui); sinceramente ha deluso molto le mie aspettative visto l’incipit d’apertura che prometteva un racconto di elevato valore. Insomma non mi è piaciuto e sicuramente non lo definirei un meraviglioso romanzo, come viene spesso descritto. Assegno due stelle solo per premiare lo stile che avrei preferito apprezzare in un tema diverso da quello trattato.


Giudizio:

+2stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Lolita
  • Titolo originale: Lolita
  • Autore: Vladimir Nabokov
  • Traduttore: Giulia Arborio Mella
  • Editore: Adelphi
  • Data di Pubblicazione: 01/01/1996
  • Collana: Gli Adelphi
  • ISBN-13: isbn13:9788845912542
  • Pagine: 395
  • Formato - Prezzo: Tascabile - 11 Euro                                                                                                                                             

2 Commenti a “Lolita - Vladimir Nabokov”

  • 19 febbraio 2015 10:23
    Pila says:

    Una lettura sicuramente impegnativa e particolare, senza contare che lo stile artificioso di Nabokov non aiuta e fa a pugni con la trama, nemmeno a me è piaciuto!

  • 19 febbraio 2015 11:49
    Chiara A. says:

    Grazie Pila! si come ho scritto, penso anche io che lo stile di Nabokov non sia tra i più indicati per trattare un tema come quello di Lolita, è un po' come unire sacro e profano.

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates