8 agosto 2011

Aspettando i barbari - J. M. Coetzee

Un magistrato bianco, che per decenni si è occupato degli eventi del piccolo insediamento di frontiera in cui vive, ignorando la guerra tra i barbari e l'Impero che pure incombe sulla cittadina, si trova all'improvviso a confrontarsi con la realtà: dapprima comincia a simpatizzare con i prigionieri angariati durante gli interrogatori, poi si innamora di una di loro, una barbara. Tanto l'amore quanto la dura condizione carceraria lo spingono a compiere, finalmente, un atto di ribellione.


Recensione

Aspettando i barbari non è una lettura particolarmente piacevole. Il lettore lo comprende quasi subito. L'ambientazione indefinita, ovvero la provincia più estrema di un immaginario impero ai confini con i territori abitati dai Barbari, non aiuta il lettore a immaginarsi la vicenda del romanzo. Inoltre ricorrono scene di sgradevole crudeltà, di cui sarà vittima anche il protagonista del romanzo, narrato sempre in prima persona.

Per alcuni versi Aspettando i barbari può ricordare Il deserto dei Tartari. Rispetto a quest'ultimo, il romanzo in questione (senza nulla togliere al capolavoro di Buzzati) è molto più crudo, essenziale, profondo. La parabola del magistrato, che rifiutandosi di usare metodi disumani, diventa egli stesso vittima di quei metodi, tocca un tema delicato: il rapporto conflittuale tra giustizia e potere. Evidentemente dietro a questo romanzo c'è, seppure depurato da ogni riferimento diretto, l'apartheid e la storia recente del Sudafrica, il paese nel quale è nato e cresciuto l'autore, ma anche, se vogliamo, la storia del Commonwealth e dell'Impero coloniale britannico. Aspettando i Barbari, infatti è un romanzo politico, ma a modo suo, nel senso più nobile e intelligente della parola. Pone domande senza offrire risposte facili. Anche la storia d'amore tra il protagonista e una donna barbara è un rapporto problematico, crudo, privo di sentimentalismi e senza lieto fine.

Uscito nel 1980, questo romanzo non ha mai perso la sua attualità. Il successo presso il grande pubblico anglofono è stato immediato, come testimoniano i numerosi e importanti premi che gli sono stati tributati. In Italia è stato pubblicato nel 2000, tre anni prima dell'assegnazione del premio Nobel, che certamente ha contribuito molto alla fama di questo autore, J. M. Coetzee, il quale, tuttavia, in Italia non è mai diventato un autore veramente popolare. Col tempo, credo che verrà sempre più apprezzato lo spessore di questo romanzo, che possiede tutte le carte in regola per essere considerato un vero e proprio classico.

Giudizio:

+5stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Aspettando i barbari
  • Titolo originale: Waiting for the Barbarians
  • Autore: J. M. Coetzee
  • Traduttore: Maria Baiocchi
  • Editore: Einaudi
  • Data di Pubblicazione: 2000
  • Collana: Tascabili. Letteratura
  • ISBN-13: 8806154508
  • Pagine: 193
  • Formato - Prezzo: Brossura - 12 Euro

1 Commenti:

  • 9 agosto 2011 06:22
    cooksappe says:

    me lo segno! ^^

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates