17 giugno 2015

Setes - Claudio Foti

Nella Roma del 999 dopo Cristo avvengono alcuni strani omicidi. Omicidi dietro i quali si cela una setta. Una di quelle sette che a fine millennio imperversavano per la Città Eterna compiendo sacrifici rituali efferati per scopi apparentemente ignoti. Il Protoscrinario Ficoncinus, su invito preciso di Silvestro II, il Papa Mago, forma una squadra di ricerca, un ordine segreto all'interno della 'militia' della Chiesa per scoprire chi si cela dietro questi efferati delitti.
Delitti che coinvolgono tutte le classi della popolazione romana. Delitti che scuotono l'animo del pontefice che si rende conto che l'Anno Mille è alle porte e che gli effetti dell'attività del Maligno diventano più evidenti giorno dopo giorno. A capo della ricerca c'è Marcus che infine riesce a individuare uno degli assassini della setta, tale Cerio. Ma ben presto scopre che proprio quest'ultimo, sebbene si sia macchiato di uno degli omicidi, in realtà vi è stato costretto in maniera misteriosa.
Cerio da parte sua solo grazie all'aiuto di una 'sacerdotessa' riesce a scoprire la verità e la propria colpevolezza.

Recensione

Una storia tutt’altro che comune, questo è da riconoscere al romanzo Setes di Claudio Foti, ma oltre a questo cosa potremmo elogiare all’autore di un libro paragonato dallo stesso alla vèrve tipica dei testi di Lovecraft ed Eco?
Promette bene ma non soddisfa le aspettative, mi tocca dire con rammarico; il potenziale del libro è molto forte purtroppo però, nella realizzazione, perde quella magia particolare di una storia a metà tra l’antica Roma, il mondo degli inferi e le divinità più antiche del mondo egizio e non.
Dopo un inizio scoppiettante, si perde di capitolo in capitolo la voglia di approfondire e continuare ad andare avanti nella lettura. Lo sviluppo e la stesura del romanzo mi è parsa sbrigativa e priva di una revisione finale, non mancano infatti le sviste grammaticali e, talvolta, alcuni termini sono storpiati al punto da avere difficoltà a cogliere il senso di quanto il personaggio o la voce narrante voglia dire.
La conclusione segue la stessa logica del corpo centrale dell’opera, rapida e senza emozioni. Un’idea brillante come quella che Claudio Foti ha avuto avrebbe sicuramente meritato una trattazione ed uno sviluppo molto più accurato; l’autore, infatti, avrebbe potuto dare ampio spazio alla questione di Papa Silvestro II (tutt’ora non ho bene capito quale fosse il suo ruolo se non quello di leggere gli astri per appagare un suo desiderio di conoscenza riguardo il futuro e non ho ben chiaro come questo si intrecci con l'ingaggio della spia Marcus) e sviluppare meglio la vicenda delle divinità antiche e della setta dei Setes, elementi che incuriosiscono molto e catturano l’attenzione del lettore.
Il materiale su cui lavorare è molto valido ma la sua trattazione molto deludente. Mi spiace anche dare un giudizio così forte ma mi aspettavo di leggere qualcosa di davvero entusiasmante però così non è stato.
Un grande potenziale ma una scarsa resa, premio sicuramente l’idea veramente molto particolare, bella l’ambientazione non solo geografica ma anche temporale: infatti l’incontro tra due epoche antiche cosi diverse tra loro come l’epoca dei grandi imperatori, l’epoca delle divinità e delle credenze nell’occulto è sicuramente interessante.Purtroppo però non posso fare elogio di altro, i personaggi stessi sono tratteggiati in modo sbrigativo, del protagonista non sappiamo quasi nulla, così come di altre figure importanti come Marcus ad esempio, la pseudo spia inviata dal Papa. Poteva sicuramente essere un’opera migliore, bastava un po’ più di cura e di attenzione.

Giudizio:

+2stelle+ (e mezzo)

Dettagli del libro

  • Titolo:Setes
  • Autore: Claudio Foti
  • Editore: Claudio Foti
  • Data di Pubblicazione:6 maggio 2015
  • ISBN-13: 978-1409223023
  • Pagine:114
  • Formato - Prezzo: ebook - 3,99 Euro

1 Commenti:

  • 23 giugno 2015 10:09
    Xavier Navas says:

    A me è piacuto il romanzo. Si forse è un po' corto ma tremendamente originale. Mi è piaciuta molto la figura del papa mago, non la conoscevo e adesso penso che approfondirò con il romanzo di Leoni, ma le cose che mi hanno colpita di più sono la storia d'amore tra l'assassino e la sua ragazza e il viaggio fuori dal corpo che Myriana fa fare all'assassino per fargli capire come sono andate le cose!

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates