11 marzo 2014

aNobii acquistato da Mondadori?

E' di nemmeno un'ora fa la notizia (o meglio, il tweet): Mondadori acquista aNobii.

Dell'importanza dei social reading si era già accorto Amazon, che nell'aprile 2013 ha acquisito il colosso Goodreads, ma già nel 2011 una start-up inglese aveva comprato aNobii sperando di accorpare alle funzioni social una piattaforma di vendita e-book. La piattaforma di Greg Sung, nata nel 2005 e letteralmente esplosa nel 2009-10, è da tempo ormai lasciata a se stessa, con un numero incalcolabile di malfunzionamenti che ne rendono l'uso particolarmente gravoso.

Riccardo Cavallero, Direttore generale delle Edizioni Mondadori, aveva già mostrato interesse verso il social:

«Twitter è un'ottima piattaforma giornalistica, ma non particolarmente utile all'editoria, e anche a Facebook credo molto poco, per il nostro settore. Punterei di più sugli strumenti di social reading, come Goodreads e aNobii, dove i lettori appassionati si ritrovano e parlano davvero di libri.»

Leggiamo oggi nel comunicato stampa che il Gruppo Mondadori ha «acquisito da Anobii Ltd. il marchio e gli asset di Anobii», poiché - dichiara Ernesto Mauri, Ad di Mondadori - «Una piattaforma per ascoltare i lettori è fondamentale per la crescita del digitale nei libri e per la costruzione della casa editrice del futuro».
Mondadori investirà per far ripartire la piattaforma e dotarla di nuove funzionalità: un milione di utenti nel mondo, di cui 300mila nella sola Italia, aNobii è in effetti un terreno fertilissimo per raggiungere lo "zoccolo duro" dei lettori italiani.

I principali timori sono due: il primo è che aNobii diventi una succursale di Inmondadori, al cui proposito, assicura Cavallero: «saremmo stupidi a farlo. Ci prendiamo qualche mese per rivedere il sistema e la grafica e lo faremo ripartire. Ma resterà sempre aNobii».
Il secondo è se Mondadori si riserverà un qualche tipo di controllo sulle recensioni pubblicate, da sempre note per essere senza peli sulla lingua.

Sarà interessante osservare gli sviluppi del progetto per vedere se le promesse saranno mantenute, ma anche le reazioni degli utenti del social network, noti per la loro allergia a qualsiasi cambiamento, fosse pure l'interfaccia della Home o il semplice colore del logo.

5 Commenti a “aNobii acquistato da Mondadori?”

  • 11 marzo 2014 11:48
    APPL yLE says:

    questa notizia mi lascia allibita... ora 5 stelline a tutti i romanzi della CE sopracitata ;)

  • 11 marzo 2014 12:16
    Katerina says:

    Da un lato sono allibita, dall'altro... non so, spero che almeno i malfunzionamenti diminuiscano.

  • 11 marzo 2014 12:19
    sakura87 says:

    Per come funziona adesso, qualsiasi cambiamento per me è il benvenuto. Male che vada, per chi non apprezzerà la nuova gestione ci sarà sempre Goodreads.

  • 11 marzo 2014 14:10
    Pippo says:

    Non me lo aspettavo. Spero vivamente che la Mondadori non combini qualche casino <__>.

  • 11 marzo 2014 17:57

    Per il momento la vedo in negativo, che un editore acquisti Anobii non mi pare sano, se voleva solo vedere cosa ne pensava lo zoccolo duro dei lettori italiani non c'era certo bisogno di accaparrarsi questo sito, temo censure e politiche atte a influenzare ....non mi piace...

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates