11 giugno 2011

Il biglietto che esplose - William S. Burroughs

"È un viaggio lungo. A bordo ci siamo solo noi". Il viaggio cui allude William Burroughs nel "Biglietto che esplose", pannello finale della sua celebre tetralogia, non è solo quello interstellare del metamorfico protagonista Bradly. E anche il viaggio conclusivo di una specie - la nostra giunta a una sorta di resa dei conti. Stretto tra invasioni venusiane (l'"Operazione Altra Metà") volte a schiavizzarlo e una polizia segreta che vuole sotto-porlo a un controllo onnipervasivo, il Sapiens si destruttura e trasforma definitivamente in un'intercapedine organico-tecnologica, con ragazze-orchidea e ragazzi-raganella fluorescenti - veicoli di agenti virali e droghe alienanti -, registratori e telescriventi atti a manipolare istinti e linguaggi. Unico elemento di resistenza: gruppi clandestini come i partigiani diretti da Saturno. Intorno, uno scenario putrido e fantastico insieme - vero acme della visionarietà di Burroughs - con "città dalle consunte strade marmoree "sormontate da cupole di rame, immani terre verdi in cui ogni filo d'erba luccica" come incastonato nel cristallo "e stagni e canali artificiali" che riflettono galleggianti ornati di fiori", il tutto avvolto e tiranneggiato da un " buio pesto da pellicola sottoesposta ".

Recensione

"L'Altra Metà è la parola. L'Altra Metà è un organismo. La parola è un organismo."
Il biglietto che esplose, pannello centrale della Trilogia Nova, è probabilmente il più ostico dei libri di Burroughs, o almeno, il più difficile che io abbia finora incontrato.

Come nei romanzi precedenti, anche in questo i due pilastri sono inevitabilmente il corpo ed il linguaggio. Destrutturati e riassemblati una dieci e mille volte. Quel corpo che veniva visto come una macchina morbida, intossicata dall'Io-nevrosi e dal virus della droga, adesso viene letto come una prigione. L'uomo è prigioniero di se stesso, del suo corpo e anche del suo linguaggio. Perché il corpo, e la parola, che a sua volta non è altro che un organismo, imprigionano una parte dell'uomo, staccando dall'Altra Metà.

Così, l'essere umano nell'attuale forma che conosciamo viene completamente destrutturato: e il romanzo procede tra folli visioni che vedono protagonisti alieni, ragazze-orchidee, ragazzi-raganelle fluorescenti, ibridi organico-tecnologici. Potenti, ancora una volta, sono le visioni di cui si nutre l'immaginario di questo romanzo: orrorifiche ed affascinante insieme, com'è tipico di Burroughs. Impossibile, anche in questo caso, accennare alla trama: l'"Operazione Altra Metà" (invasione venusiana), la Polizia Nova, i ribelli, e tutta la girandola assurda di personaggi chiamati in causa rimandano sempre a qualcos'altro.

l vero messaggio del libro è la destrutturazione linguistica attuata attraverso il cut-up: non più confinato alla lingua scritta, ma esteso ora al linguaggio parlato, ai suoni. Al cut-up linguistico, adattamento, si ricorda, della tecnica creata da Brion Gysin nelle arti visive, si affianca quello sonoro, sperimentato personalmente da Burroughs con l'uso dei registratori: due suoni, due voci diverse, vengono tagliate e incollate insieme, con la giunzione tecnica dei nastri. L'idea di tagliare ed incollare le voci, e quindi idealmente le personalità della gente, attraversa tutto il romanzo. In un mondo in cui l'essere umano è irreversibilmente corrotto, prigioniero del corpo e del linguaggio, l'unica possibile via di fuga resta proprio il rifiuto del linguaggio omologante: il taglia e cuci delle parole, dei suoni e delle personalità.

Chicca finale, il racconto post-fazione che non poteva mancare: un lucidissimo flusso di coscienza in cui Burroughs espone le sue idee, i suoi esperimenti con i registratori e le sue teorie del linguaggio.

Giudizio:

+4stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Il biglietto che esplose
  • Titolo originale: The Ticket That Exploded
  • Autore: William S. Burroughs
  • Traduttore: A. Tanzi
  • Editore: Adelphi
  • Data di Pubblicazione: 2009
  • Collana: Fabula
  • ISBN-13: 9788845924262
  • Pagine: 227
  • Formato - Prezzo: Brossura - 18,00 Euro

2 Commenti a “Il biglietto che esplose - William S. Burroughs”

  • 11 giugno 2011 13:07

    Ho trenta anni e non ho ancora letto niente di quest'uomo (eppure, leggo abbastanza)... penso che dovrei iniziare a sanare questo handicap...

  • 11 giugno 2011 14:14

    C'è sempre tempo per Burroughs! Consiglio di iniziare comunque da "Pasto nudo" (che è anche il più leggibile, grazie al lavoro di Kerouac e Ginsberg).

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates