26 maggio 2011

Miss Alabama e la casa dei sogni - Fannie Flagg

Una vera signora sa sempre quand’è il momento di uscire di scena. E Maggie Fortenberry, affascinante sessantenne che conosce almeno 48 modi diversi di piegare un fazzoletto e non ha mai detto una parolaccia in vita sua, ha deciso che il suo momento è arrivato. Ex Miss Alabama e quasi Miss America, dei suoi sogni di ragazza Maggie ha realizzato ben poco: non ha conquistato un marito adorante, non ha avuto con lui la nidiata di pargoli d’ordinanza, e oggi è una single depressa con una noiosa carriera da agente immobiliare a Birmingham.
Ormai ha deciso, vuole farla finita. Non senza però aver prima saldato ogni debito, sbrinato il frigorifero e salutato gli amici con un’impeccabile lettera d’addio. Ma quando tutto sembra finalmente pronto per girare l’ultimo ciak, ecco che un bizzarro scheletro in kilt manda all’aria i suoi piani.
Nella villa dove l’ha ritrovato, e che Maggie ha ricevuto l’incarico di vendere, si celano infatti segreti che aspettano solo lei per essere svelati. E se poi a scombinare il suo progetto ci si mettono anche una dispettosa capretta dal muso nero e il ritorno inaspettato di un vecchio amore, ecco che forse organizzare la sua dipartita non è più così urgente.

Recensione

La Flagg fa parte delle mie autrici preferite: dei suoi romanzi mi piace l'atmosfera semplice e fresca delle cittadine di provincia del secolo scorso, dove tutti si conoscono e si vogliono bene. Sembra fantascienza, è vero, ma è un mondo così lontano dal nostro che da come lo descrive la Flagg pare vero. Leggere un suo romanzo è come prendersi una vacanza per andare a trovare dei vecchi amici con cui si sta sempre bene.

Con rammarico devo ammettere però che questo suo ultimo lavoro mi ha delusa parecchio sotto diversi aspetti. Lento ai limiti del noioso, per metà dobbiamo sorbirci i vaneggiamenti di Maggie aspirante suicida, combattendo con la tentazione di andare da lei e prenderla a schiaffi perché al mondo c'è ben di peggio: avesse almeno una depressione da menopausa capirei, ma è semplicemente stupida, punto. La sua amica Brenda è una degna compagna, con le sue abbuffate segrete e le lotte al girovita che lievita. Ethel, la vecchietta con i capelli lilla, è confinata a fare da tappezzeria ed è un peccato perché avrebbe le potenzialità di una zia Elner, per chi già conosce la Flagg. Paradossalmente i due personaggi più riusciti sono una defunta e un'agente immobiliare che è ben più che antipatica, azzeccatissima ma estremamente fastidiosa.
Nel cuore della storia compare anche un tocco di giallo, con un misterioso scheletro nell'armadio in senso letterale: un'altra occasione sprecata. La storia del legittimo proprietario dei poveri resti è affidata a sentito dire e riassunti di articoli di giornale, decisamente poco per una vicenda che da sé avrebbe meritato un romanzo intero.
Epilogo scontato fin dalle prime pagine, non riserva nessuna sorpresa: l'ultima pagina è una liberazione.

Oltre la trama, l'autrice fa cilecca anche con lo stile: i capitoli sono un'accozzaglia di punti di vista che si alternano senza soluzione di continuità né logica e addirittura in quelli dedicati alle vicende accadute nel passato di punto in bianco compare Maggie con i suoi patemi, senza nemmeno un intervallo di paragrafo.

Due stelle solo perché mi piange il cuore a dare alla Flagg una misera stellina.

Giudizio:

+2stelle+

Dettagli del libro

  • Titolo: Miss Alabama e la casa dei sogni
  • Titolo originale: I Still Dream About You
  • Autore: Fannie Flagg
  • Traduttore: V. Ricci
  • Editore: Rizzoli
  • Data di Pubblicazione: 2011
  • Collana: Rizzoli Best
  • ISBN-13: 9788817028073
  • Pagine: 395
  • Formato - Prezzo: Rilegato, 18,50 Euro

4 Commenti a “Miss Alabama e la casa dei sogni - Fannie Flagg”

  • 26 maggio 2011 18:47

    nuuu peccato.... sembrava promettente ç__ç

  • 26 maggio 2011 19:20
    Giuls says:

    Lo volevo comprare, per fortuna una sinapsi competente me l ha impedito, questa recensione mi rincuora!!^^

  • 27 maggio 2011 16:24
    Pythia says:

    @Sara: avevo letto qualche commento positivo, così mi ci sono buttata a occhi chiusi. È stata una doppia delusione perché oltre a essere brutto non è la solita Flagg e ne avevo proprio bisogno!

    @Giuls: mitiche le sinapsi premonitrici! Se proprio fossi curiosa, ci sono sempre le biblioteche a costo zero ;-)

  • 28 maggio 2011 09:40
    valentina says:

    Ho scoperto da poco questa scrittrice e altri suoi libri mi sono piaciuti molto ma qs e' proprio bocciato :(

Posta un commento

 

La Stamberga dei Lettori Copyright © 2011 | Template design by O Pregador | Powered by Blogger Templates